Escursioni mtb a Carpegna

Particolarmente ricco di borghi antichi e paesaggi incantevoli, il Montefeltro rappresenta un’inesauribile fonte di interesse per il turista desideroso di visitare e conoscere l’entroterra della costa adriatica. Distante appena 46 chilometri e meno di un’ora di automobile da Riccione, il borgo di Carpegna attende i visitatori in un ambiente naturale incontaminato, nel cuore dell’Appennino tra Marche, Toscana e Romagna e ai margini del Parco Naturale dei Sassi Simone e Simoncello.

Situata ai piedi dell’omonimo Monte, che la domina con i suoi 1.415 metri di altezza, Carpegna vanta una lunga storia. Sede di un’abbazia benedettina in epoca medievale, e dal 1566 di una poderosa fortezza appartenente alla famiglia de’ Medici, deve il suo blasone principalmente agli omonimi Conti di Carpegna, famiglia dalla quale derivarono altri casati celebri come i Malatesta e i Montefeltro. A consacrarne l’importanza, il borgo presenta ancor oggi la Piazza dei Conti, sulla quale domina intatto il Palazzo Carpegna, al cui interno sono ancora custoditi la biblioteca e gli antichi documenti della famiglia. Nelle sue scuderie, si tiene ogni anno a metà agosto la Mostra dell’Artigianato Artistico del Montefeltro.

Dal punto di vista naturalistico e ambientale, oltre al Parco dei Sassi Simone e Simoncello, il territorio di Carpegna presenta un vasto bosco di cerri, numerose fonti acquifere e il Torrente Mutino, particolarmente ricco di trote e meta di passeggiate ecologiche.

A rendere poi particolarmente famoso il borgo di Carpegna e i monti che lo contornano, contribuisce poi anche l’ottimo prosciutto, insignito della “Denominazione di Origine Protetta”. Le prime testimonianze di produzione dei prosciutti di Carpegna risalgono all’epoca in cui costituiva un “vicus” del municipio romano di Pitinum Pisaurense. Cultura e storia di Carpegna si esaltano anche nel gusto di questo suo prodotto tipico, da assaggiare!